CORTOMETRAGGIO  "LE RITROVATE IMPRONTE"

 

Cortometraggio LE RITROVATE IMPRONTE

Ideazione e cura: BARBARA CASTRO, ROSSANA FRANCAZI, GIUSEPPE VARONE

Coordinamento ricerche e analisi documenti: BARBARA CASTRO, ROSSANA FRANCAZI

Sceneggiatura e regia: GIUSEPPE VARONE

Riprese e montaggio: ALESSANDRO FUCILLA, SIMONE MICARELLI

Ricerca e analisi documenti:CLASSI QUINTE C  E

Interpreti: CLASSI QUINTE B C D E

L’idea di un progetto che riguardasse lo sterminio degli ebrei durante la Seconda Guerra Mondiale  è nata dall’osservazione negli ultimi anni di alcuni atteggiamenti di stanchezza e insofferenza tenuti da alcuni alunni nel “Giorno della Memoria”. In occasione degli 80 anni dall’emanazione delle Leggi razziali, tre docenti di Lettere dell’Istituto Ipseoa Tor Carbone di Roma hanno iniziato, allora, a lavorare intorno a un’idea: la memoria di un avvenimento non può essere affidata solamente a un libro di storia, a un film o a una conferenza, ma a un contatto diretto con la vita di quelle persone che hanno subito gli orrori della Shoa, delle leggi razziali e della persecuzione criminale. Così alcuni gruppi di alunni delle classi quinte hanno analizzato i fascicoli del Ministero dell’Interno - Divisione Generale della Pubblica Sicurezza - Direzione Affari Generali e Riservati - Ufficio Internati - EBREI INTERNATI (1940 -1945) presso l’Archivio Centrale di Stato di Roma. La ricerca ha avuto l’obiettivo di rintracciare il materiale più significativo per la ricostruzione delle condizioni materiali e affettive degli internati, che emergono dal carteggio intercorrente tra il Ministero degli Interni e gli internati e/o i loro congiunti. I carteggi sono stati compresi, analizzati, fotografati, fatti rivivere. Ecco allora il titolo del nostro lavoro: “Le ritrovate impronte”, perché gli studenti hanno fatto rivivere persone comuni di cui si era persa traccia nel mondo dei numeri e delle vittime. Si sono appassionati nel leggere le suppliche per la revoca dell’internamento, le lettere accorate delle madri e appassionante delle mogli. Si sono commossi nello scoprire come un’intera famiglia di sette persone la mattina del 16 ottobre 1943 sia stata prelevata dal Ghetto e sterminata ad Auschwitz due giorni dopo. Per rendere questa esperienza viva, concreta, rapportata al mondo dei giovani, è stato girato un cortometraggio all’interno del nostro Istituto. Attraverso questa partecipazione attiva, i ragazzi hanno maturato non solo una  conoscenza diretta del passato ma soprattutto una coscienza che servirà per il loro futuro. Avere conoscenza dei fatti, individuare la catena degli eventi che hanno portato a certe decisioni, ha creato in loro la capacità, individuale e collettiva, di poter dire no a possibili eventi negativi futuri.

Pon

Bando per il reclutamento del valutatore dei tutor e degli esperti per l’attuazione del PON “ Inclusione e lotta al disagi

Amministrazione Trasparente

amministrazione trasparente

Albo Pretorio on line

albo on line


Vai all'inizio della pagina